dna2

sede: Casal di Principe

finanziamento:

stato: In attesa di finanziamento

La villa confiscata a Alfonso Diana, in via Firenze, è costruita su due livelli con un ampio giardino interno ed è stato oggetto di molti atti vandalici. Con convenzione del 24 Febbraio 2014, il Comune di Casal di Principe ha affidato il bene in uso gratuito ad Agrorinasce. Quest’ultima ha avviato un percorso di progettazione partecipata con un bando pubblico, pubblicato il 06.06.2014, invitando i soggetti sociali del territorio a presentare un progetto sociale o produttivo. Anche in questo caso Agrorinasce grazie all’impegno dei docenti e degli studenti del Liceo Artistico di Aversa, ha potuto disporre in maniera gratuita del lavoro di rilievo dell’immobile confiscato che è stato allegato alla procedura pubblica.

Il bando per l’assegnazione della gestione è stato ultimato con l’assegnazione definitiva con concessione ventennale, a partire dal 15 Aprile 2016, alla Congregazione Poveri Servi Divina Provvidenza Casa dei Fanciulli – Istituto Don Calabria per la realizzazione del progetto di costituzione di una comunità per minori in area penale.

L’Istituto Don Calabria ha predisposto il progetto definitivo dei lavori di ristrutturazione del bene confiscato destinandolo a cucina per la produzione di alimenti.

Allo stato Agrorinasce ha predisposto una nuova richiesta di finanziamento per il recupero e la valorizzazione dell’intero complesso e che tenga conto della progettualità presentata.

 

Foto stato attuale del bene

dna1 dna2

dna3

 

Agg. 03/2018

 

 

 

 


01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo