Creato 08 Settembre 2017 Categoria: Iniziative per la Legalità
Visite: 162
Stampa

agrorinascesito

 

COMUNICATO STAMPA

 uccisoperchsolo222324CASAL DI PRINCIPE (Caserta) – Partono le iscrizioni per la Summer School Ucsi 2017 di Giornalismo Investigativo dedicata al tema «Ucciso, perché solo», ovvero sui casi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino; Enrico Mattei; Ilaria Alpi e Maria Grazia Cutuli e don Giuseppe Diana e altri martiri della legalità. Venti relatori programmati e poi tanti altri interventi e incontri in divenire. Una tre giorni di approfondimento sul giornalismo investigativo e sui casi che ancora infiammano la nostra storia, come non c’era mai stata prima: in uno dei luoghi – simbolico – dove una delle mafie più potenti e violente è nata e cresciuta, Casal di Principe, nel Casertano. E ora è stata sconfitta, almeno militarmente. È l’idea alla base della Summer School di Giornalismo investigativo dell’Ucsi, che si terrà dal 22 al 24 settembre prossimo tra Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa e Casapesenna, accreditata anche come corso di aggiornamento per i giornalisti. La Scuola è promossa dall’Ucsi di Caserta insieme con Agrorinasce, Agenzia pubblica per la legalità, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti della Campania e gode del patrocinio nazionale della Fnsi (Federazione nazionale stampa italiana), il sindacato dei giornalisti italiani; della Fondazione Polis, oltre che dei comuni di Casal di Principe, San Cipriano d’Aversa, Casapesenna, San Marcellino, Santa Maria La Fossa, Villa Literno. Tra i relatori sono previsti tra i maggiori esperti italiani di mafie e terrorismo, giornalismo investigativo e politica italiana.

«Con la Summer School andiamo direttamente in periferia, come ha suggerito spesso Papa Francesco», spiegano Luigi Ferraiuolo, direttore della Summer School; e Giovanni Allucci, Amministratore Delegato di Agrorinasce. «Nel territorio di Casal di Principe – aggiungono – nell’ultimo decennio, abbiamo compreso in maniera evidente l’importanza del giornalismo nella lotta alla criminalità organizzata e quindi anche al terrorismo. In tale contesto abbiamo pensato che sia importante offrire ai giornalisti un momento stabile di confronto e discussione con gli stessi investigatori, i magistrati e i colleghi che si sono distinti per capacità investigativa. Insomma una vera e propria Scuola di giornalismo investigativo, un appuntamento stabile, ogni anno su un tema diverso, che l'Ucsi di Caserta insieme con Agrorinasce hanno inteso promuovere mettendo a disposizione luoghi di aggregazione, formazione e accoglienza che sono stati creati all’interno dei beni confiscati alla camorra. Un modo tutto nostro – concludono Ferraiuolo e Allucciper ringraziare i protagonisti che costruiscono una società migliore».

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per ulteriori informazioni

00 39 338 9829091

01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo