Creato 17 Febbraio 2016 Categoria: Festival del Teatro
Visite: 1700
Stampa


saturatestaart

SATURA TEATRO FESTIVAL, A CASAL DI PRINCIPE VA IN SCENA IL TERRITORIO

Il 21 febbraio parte l’ottava edizione della rassegna promossa dal consorzio Agrorinasce

 

Giovanni Allucci: «Il teatro come strumento di promozione culturale e sociale»

 

casal-di-principe_teatro-legalit_agrorinasceCASAL DI PRINCIPE [Caserta]. Di scena il territorio. Al via, il 21 febbraio, alle 19, al Teatro della Legalità di Casal di Principe, in viale Europa, l’ottava edizione della rassegna teatrale promossa e organizzata dal consorzio Agrorinasce. Protagoniste assolute, le compagnie del panorama provinciale. Quest’anno, il festival cambia nome, senza, però, tradire l’imprinting culturale, la natura contaminata e istrionica e la voglia di far riflettere degli esordi. La direzione artistica, curata da Andrea Cioce, ha deciso di chiamarlo “Satura Teatro Festival”, in omaggio alla parola latina “satura”, che significa “miscela”, “miscuglio”, “miscellanea”. Una scelta che si riverbera nel programma, frutto di una mescolanza di stili, di linguaggi, di forme di espressione e di realtà artistiche che, nel tempo, sono cresciute, grazie anche alla presenza del teatro a Casal di Principe. «Nel 2009 rivela Giovanni Allucci, amministratore delegato di Agrorinasce –, pensammo di intitolarlo “Tutti insieme appassionatamente”, perché avvertivamo la necessità, insopprimibile, di dover essere in tanti nel costruire, attraverso la passione per il teatro, qualcosa di nuovo e di bello per questa terra. Abbiamo lavorato, credo, bene e i risultati si sono visti, sia in termini di pubblico sia di qualità dell’offerta, ormai vicina al professionismo. Oggi – aggiunge Allucci –, acquisiti maturità, esperienza e seguito, a quell’urgenza, che resta viva, si affianca una nuova sfida: usare la drammaturgia e la meccanica delle scene come strumento di promozione sociale, in una comunità che non ha più paura di divertirsi e di pensare». Sette i titoli in cartellone, allestito per esaltare i talenti locali e assecondare i gusti di tutti, esplorando tanto la tradizione quanto le avanguardie. Il sipario si aprirà domenica con Jury Monaco, impegnato in “Un finto reale”; il 28 febbraio, con l’associazione “Carnevale di Villa Literno” in “Novecento”. Il 6 marzo, invece, sarà la volta di “Ansi Teatro” con il musical “Don Peppe Diana”; il 3 aprile, a calcare le tavole del palcoscenico ci sarà la compagnia teatrale “’O raggio ‘e sole” con la commedia di Gaetano e Olimpia di Maio “È asciuto pazzo ‘o parrucchiano”; il 10 aprile, “Anema e core” con “Non tutte le corna vengono per nuocere”; il 17 aprile, la compagnia “Fermi tutti” del liceo “Fermi” di Avesa con “Fuori scatola”. E, in chiusura, l’8 maggio, come da copione, l'associazione teatrale “I che chiagnuta”, interprete del testo di Antonello Aprea “Na mugliera zitella”. Invariato il prezzo del biglietto, appena 5 euro a spettacolo, con la possibilità di abbonarsi all’intera stagione con soli 25 euro.

 

Casal di Principe, 17 febbraio 2016

 

saturajuri satura900

saturaansi saturaoraggioesole

saturaanema saturafermitutti

saturaichechiagnuta

 

 

 

 

 

 

 

 


01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo