Creato 26 Aprile 2011 Categoria: Iniziative per la Legalità
Visite: 5815
Stampa

Progetto culturale “Dal degrado alla bellezza”: protocollo d’intesa tra Agrorinasce, Facoltà di architettura della Federico II, Facoltà d’ingegneria della SUN ed i Comuni di Casal di Principe, Casapesenna, San Cipriano d'Aversa e S. Maria la Fossa


agro_mk
Progetto culturale “Dal degrado alla bellezza”: protocollo d’intesa tra Agrorinasce,
Facoltà di architettura della Federico II, Facoltà d’ingegneria della SUN ed i Comuni di Casal di Principe,
Casapesenna, San Cipriano d'Aversa e S. Maria la Fossa
Agrorinasce, l’Università Federico II Facoltà di Architettura Cattedra di progettazione architettonica, la Facoltà di Ingegneria della SUN, Cattedra di composizione architettonica, e i Comuni di Casal di Principe, Casapesenna, San Cipriano d’Aversa e S. Maria La Fossa hanno appena stipulato un protocollo d’intesa relativo al progetto culturale ‘Dal degrado alla bellezza’, promosso dalle stesse Facoltà di Architettura della Federico II° e della SUN di Napoli.
Il protocollo d’intesa ha lo scopo di studiare i paesaggi urbani e periurbani degradati dei citati Comuni, come aree comunali abbandonate o beni confiscati alla camorra vandalizzati; e di proporre studi e ipotesi di interventi e di riqualificazione di tali aree/immobili, individuati dagli stessi Comuni firmatari, con il contributo di discipline diverse, in particolare dell'arte figurativa e dell'architettura.
Per la realizzazione del progetto sono state previste le seguenti fasi: a) Incontri/conferenze di tipo multidisciplinare sul tema della riqualificazione dei paesaggi degradati. In particolare sono stati previsti tre seminari culturali di livello internazionale; b) Concorso di idee rivolto a giovani architetti e/o ingegneri e/o artisti per la riqualificazione e/o il recupero di immobili degradati resi disponibili dai Comuni firmatari; c) Convegno e Premiazione Concorso; d) Pubblicazione dei prodotti di studio e Presentazione dei progetti preliminari predisposti dai partecipanti.
Per la realizzazione del predetto progetto, di rilevanza internazionale, sono stati individuati dai Comuni firmatari le seguenti aree/immobili comunali o confiscati alla camorra:
1. Il Comune di Casal di Principe ha individuato l’immobile confiscato a Francesco Schiavone, Sandokan, sito in via Bologna angolo via Croce e già assegnato in comodato d’uso gratuito ad Agrorinasce;
2. Il Comune di Casapesenna ha individuato un’intera area urbana compresa tra gli immobili confiscati a Luigi Venosa e il Parco della Legalità di Casapesenna, già oggetto d’interventi specifici sia di Agrorinasce che dell’Amministrazione Comunale. L’idea è quella di realizzare un progetto di riqualificazione dell’intera area, che favorisca il collegamento tra i diversi immobili confiscati alla camorra e le aree recuperate dell’ex Ferrovia e destinate a Parco della Legalità;
3. Il Comune di San Cipriano d’Aversa ha individuato l’immobile comunale accanto alla sede municipale con l’obiettivo di trasformarlo in un centro di aggregazione polifunzionale;
4. Il Comune di S. Maria La Fossa ha individuato un’area comunale degradata della periferia del paese, nelle immediate vicinanze di terreni agricoli confiscati alla camorra e situati in zona golenale già assegnati ad Agrorinasce, da trasformare in una Fattoria didattica.
Il Concorso di idee avrà l’obiettivo di individuare e premiare il miglior progetto preliminare di recupero di ognuno delle citate aree o immobili degradati o confiscati alla camorra, e renderli nuova espressione di bellezza architettonica e del paesaggio. Il Concorso è di valenza nazionale ed internazionale. Nel corso della sua promozione saranno organizzati almeno tre seminari.
Al termine dell’esame delle proposte progettuali verrà realizzato un convegno finale e la premiazione delle proposte ritenute migliori. Il lavoro progettuale sarà poi oggetto di una specifica pubblicazione.
‘Siamo soddisfatti di questa nuova collaborazione con importanti istituzioni culturali – dichiara il Presidente di Agrorinasce dott.ssa Immacolata Fedele – con un progetto importante non solo dal punto vista culturale ma anche per acquisire nuovi progetti utili per attivare nuovi interventi di riqualificazione urbana e di recupero ad uso sociale di beni confiscati alla camorra.’

01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo