Creato 20 Giugno 2012 Categoria: Iniziative per la Legalità
Visite: 5585
Stampa
 


agro_mk

 

Comunicato Stampa

Realizzata la mietitura del grano sui terreni confiscati alla camorra a Santa Maria la Fossa.

 

Dai terreni confiscati a Francesco Schiavone “Cicciariello” a Santa Maria La Fossa, nasce il grano per le pizze e la pasta che le cooperative sociali Agropoli Onlus e Eureka Onlus utilizzeranno per riempire il futuro Pacco alla Camorra e fornire il ristorante sociale ‘Nuova Cucina Organizzata’. Si è svolta regolarmente la raccolta del grano, alla quale hanno partecipato, oltre alle cooperative Eureka e Agropoli che gestiscono i terreni, il Consorzio Agrorinasce, che amministra tutti i beni confiscati alla camorra nel territorio, una nutrita rappresentanza dell’Amministrazione comunale di Santa Maria La Fossa, guidata dal Sindaco dott. Antonio Papa, i rappresentanti di Libera Caserta, guidati da Valerio Taglione e di altre realtà sociali. Sostegno morale e grande attenzione è stata ribadita dall’on. Antonio Amato, Presidente della Commissione Regionale di controllo per la valorizzazione del beni confiscati alla camorra. Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco dott. Antonio Papa: “E’ un ulteriore segnale positivo di recupero ad uso produttivo di terreni confiscati alla camorra. Insieme ad Agrorinasce stiamo accompagnando queste realtà sociali ed altre ancora in un percorso di legalità e di sviluppo del settore agricolo, da sempre comparto trainante dell’economia locale” e dai rappresentanti delle cooperative sociali: «Oggi abbiamo realizzato un altro passo importante per completare la filiera corta della produzione agroalimentare che si sta realizzando sui nostri territori a partire dal riutilizzo dei beni confiscati» afferma Mirella Letizia della Cooperativa Eureka.

Sempre più terreni agricoli confiscati alla camorra sorgono ad una nuova vita, nel segno della legalità e del lavoro dei giovani, infatti grazie alle iniziative di Agrorinasce e del Comune di S. Maria La Fossa sono stati assegnate in gestione oltre 50 terreni agricoli, inclusi i terreni dove si è svolta la raccolta di oggi. Notizie più aggiornate sono fornite dall’Amministratore Delegato dott. Giovann Allucci, il quale dichiara: “Da quando abbiamo assegnato in gestione i terreni agricoli confiscati alla camorra a S. Maria La Fossa eravamo consapevoli dell’ottimo lavoro che le cooperative sociali Agropoli e Eureka stavano svolgendo, ma l’aspetto più importante è che dall’esempio loro altre realtà sociali stanno avviando nuove produzioni agricole e nuove cooperative stanno nascendo. Il nostro supporto tecnico-amministrativo e di affiancamento sta mettendo in condizione altre realtà sociali di crescere, ciò permetterà la creazione di nuovi posti di lavoro e la valorizzazione dei beni confiscati alla camorra”. Ciò non può che essere di buon auspicio considerando che altri terreni agricoli e masserie confiscate alla camorra verranno assegnate ai Comuni nei prossimi mesi.

 

 

folder Foto della Manifestazione

 

 

 

 

 

01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo