Creato 18 Maggio 2012 Categoria: Iniziative per la Legalità
Visite: 5660
Stampa


manifestodibona21maggio

COMUNICATO STAMPA

18 maggio 2012

 

In memoria di Antonio Di Bona: L’agricoltura tra passato e fututo.



Lunedì 21 maggio alle ore 9’30 a Casal di Principe presso il Teatro della Legalità, si terrà l’evento “In memoria di Antonio Di Bona, agricoltore vittima innocente della camorra, a 20 anni dalla sua morte: l’Agricoltura tra passato e futuro”.

L’evento è promosso dalla società Agrorinasce, con il patrocinio della Fondazione POLIS e il coordinamento dei familiari delle vittime di camorra, per ricordare Antonio Di Bona, agricoltore di Casal di Principe ucciso dalla camorra a Villa Literno nel 1992.

Esso rappresenterà anche l’occasione per discutere del settore agricolo e delle sue prospettive per il futuro, soprattutto per i giovani, grazie al recupero ad uso produttivo di terreni agricoli confiscati alla camorra.

Parlare di agricoltura e di giovani in agricoltura, – afferma l’Amministratore Delegato di Agrorinasce Giovanni Allucci grazie al recupero ad uso produttivo di terreni agricoli confiscati alla camorra ci è sembrato il modo migliore per onorare la memoria di Antonio Di Bona, agricoltore ucciso dalla camorra a Villa Literno 20 anni fa.”.

Un evento che coinvolgerà moltissimo i giovani, considerata la presenza di studenti di ben sette istituti scolastici: 1) Liceo Scientifico di San Cipriano d’Aversa, 2) ITC ‘G. Carli’ di Casal di Principe; 3) Scuola Media ‘G. Pascoli’ di Casapesenna, 4) Scuola Media ‘L.Caterino’ di San Cipriano d’Aversa, 5) Scuola Media ‘L.da Vinci’ di S. Marcellino, 6) Scuola Media ‘L.da Vinci’ di Villa Literno, 7) Istituto Comprensivo di Pignataro Maggiore.

La giornata si aprirà con una presentazione filmata preparata in memoria di Antonio Di Bona, un momento commovente che testimonierà il suo amore per la terra e l’agricoltura. “Non a caso – continua Giovanni Allucci – terremo ben presente l’amore che i nostri nonni avevamo per la terra e l’agricoltura a dispetto del disprezzo dimostrato dalla camorra con il traffico dei rifiuti e l’inquinamento causato. Abbiamo pensato di trasferire ai giovani studenti questo amore per la terra attraverso la musica popolare, grazie a Gianni Aversano e Vincenzo Ciccarelli

All’evento di Casal di Principe interverranno la famiglia Di Bona, il Commissario del Comune di Casal di Principe, Prefetto Armando Gradone, il Vicario del Vescovo, Don Paolo Dell’Aversana, il Questore di Caserta dott. Guido Longo, il colonnello dei Carabinieri Crescenzio Nardone, il colonnello della Guardia di Finanza, Vincenzo Amendola, il Commissario Regionale per l’antiracket e usura Prefetto Franco Malvano, il sostituto procuratore della DDA Francesco Curcio, il Presidente di Agrorinasce dott.ssa Immacolata Fedele, l’Amministratore Delegato di Agrorinasce Giovanni Allucci, il segretario della Fondazione POLIS, Enrico Tedesco, il referente regionale di Libera Campania, Geppino Fiorenza, il coordinatore delle vittime innocenti di camorra della Campania ing. Lorenzo Clemente, il console tedesco dott. Christian Much, i rappresentanti delle organizzazioni agricole Salvatore Ciardiello, Antonio Marulli e Tommaso De Simone, i Sindaci dei Comuni di S. Marcellino, S. Maria la Fossa e Villa Literno ed i rappresentanti delle cooperative agricole e associazione che gestiscono i terreni agricoli confiscati alla camorra.

 

brochure1

brochure2

 

 

 

 

 Allegati:

Manifesto "Evento Di Bona" del 21 Maggio 2012.jpg

Brochure "Evento Di Bona" del 21 Maggio 2012.pdf

 

 

 

folder Foto della Manifestazione - Parte 1

folder Foto della Manifestazione - Parte 2

 

 

 


01_agro_up

02_pom_up

03_pom_up

 

 

04_svi_up

05_leg_up

06_stu_up

07_rec_up

08_arc_up

09_spo_up

 

 

 

bannerlibro-delpreteACQUISTA IL LIBRO
A TESTA ALTA
Federico Del Prete:
una storia di resistenza alla camorra

mostraDDbannerLa Mostra dedicata a
Don Peppe Diana

prenotamostraH

sportelloSolTHLo Sportello
Solidarietà

camnogra-thRagioni e strumenti per essere contro la criminalità organizzata

mobastaBannerMo' Basta: associazioni e sindacati insieme per la legalità e lo sviluppo